Le tre cose da sapere sulla Mindfulness

shutterstock_1028530498

COS’E’ LA MINDFULNESS?

Oggi il termine Mindfulness si sta diffondendo a una velocità incredibile.
Il bisogno di ritrovare la pace e il benessere è un obiettivo diffuso e comune, ma purtroppo la “Mindfulness” sta diventando una moda: dal massaggio alla dieta fino al pacchetto depurativo.

La Mindfulness non è una tecnica salva vita, non è un modo per diventare più buoni o raggiungere l’illuminazione. Siamo qui per fare un po’ di chiarezza sull’argomento.

1. Le origini

Il termine Mindfulness è la traduzione in inglese della parola “Sati” in lingua Pali, che significa “attenzione consapevole” o “attenzione nuda”.
L’ideogramma cinese per “Mindfulness” è “Nian” (
) che è la combinazione di due caratteri diversi, ognuno dei quali ha il suo significato. La parte superiore dell’ideogramma significa “adesso”, mentre la parte inferiore significa “cuore” o “mente”.  Letteralmente l’ideogramma completo indica l’atto di vivere il momento presente con il cuore.

Si tratta cioè di dirigere volontariamente la propria attenzione a quello che accade nel proprio corpo e intorno a sé momento per momento, ascoltando più accuratamente la propria esperienza e osservandola per quello che è, senza valutarla o criticarla.

La pratica di questo particolare “atteggiamento della mente” che possiamo definire anche “consapevolezza” deriva dal buddismo Theravada, una delle due maggiori correnti del pensiero buddista diffusa da 2500 anni in Asia meridionale e sudorientale, in particolare in Birmania, Cambogia, Laos, Sri Lanka e Thailandia, sia nell’ambiente monastico che laico.

2. La Mindfulness e il mondo occidentale

L’utilizzo da parte della medicina occidentale della Mindfulness per la promozione della salute è invece un’acquisizione relativamente recente.
Negli anni ’70 negli Stati Uniti un talentuoso ricercatore di biologia, Jon Kabat Zinn, grazie alla profonda conoscenza personale della meditazione Vipassana Theravada iniziò a creare e studiare empiricamente un protocollo con gli esercizi di base della meditazione di consapevolezza su ampi campioni di pazienti in trattamento ospedaliero o in riabilitazione.

Da questo studio di base per la riduzione del dolore, Jon Kabat Zinn ha sviluppato il primo protocollo di Mindfulness per la riduzione dello Stress M.B.S.R. (Mindfulness Based Stress Redaction).

3. I benefici della Mindfulness

I benefici validati scientificamente delle pratiche di Mindfulness sono tanti:

  • Abbassamento del livello di stress percepito in parallelo con la riduzione della densità di materia grigia dell’amigdala (area cerebrale che gestisce le emozioni e che si attiva in situazioni stressanti).
  • Diminuzione dei livelli di cortisolo, l’ormone dello stress.
  • Miglioramento della qualità della vita.
  • Migliora il sistema immunitario
  • Riduce l’ansia
  • Riduce lo stress
  • Migliora la capacità di regolare le emozioni
  • Migliora la memoria
  • Migliora la creatività
Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *